Reading:
Lean Startup- Come Validare una idea innovativa

Image

Lean Startup- Come Validare una idea innovativa

DanieleGuerriero
27 Luglio 2020

Lean Startup: approccio radicale per il lancio di idee innovative. Parte dal presupposto che sia necessario la validazione dell’Idea come primo e fondamentale step che ogni startup deve affrontare per porre solide basi al suo percorso di crescita.

La validazione è un percorso circolare in tre fasi: IDEA –> PRODUCT –> DATA.

Dall’idea si costruisce il prodotto/servizio, il quale viene costantemente misurato e analizzato ottenendo dati dai quali si capisce come migliorare o modificare l’idea.

Lo strumento con il quale si valida una idea è il Lean Canvas, ma cos’è e da dove arriva il Lean Canvas?

Cominciamo con un po’ di storia: il modello Lean (snello) nasce negli anni ‘70 in Giappone negli stabilimenti Toyota. Gli ingegneri Toyota dichiarano guerra a qualsiasi forma di spreco, decidono quindi di tagliare ogni passaggio non fondamentale nella costruzione di un veicolo. Ogni operazione deve portare vantaggio per il cliente o essere eliminata.

Negli anni ‘90 gli ingegneri Porsche, in visita in Giappone, rimangono affascinati da questa metodologia e la fanno loro, la adattano, la europeizzano. Il risultato è che Porsche passa da essere un’azienda in perdita e sull’orlo della bancarotta, all’azienda con il margine per auto più elevato nell’intero settore automotive mondiale. Oggi Porsche ha addirittura creato una sua società di consulenza attraverso la quale applica questi principi in aziende di qualsiasi settore a tagliare gli sprechi.

Ma non divaghiamo.

La Lean Startup nasce quindi dalla Lean Manufacturing, ma da questa eredità solo il concetto di base: tagliare gli sprechi e concentrarsi solo sul valore prodotto per il cliente.

La Lean Startup può considerarsi un metodo scientifico in quanto testa, misura e verifica le ipotesi, consentendo ad un’idea di business di muovere i primi passi per diventare una startup.

Come ogni metodologia snella, il Lean Canvas fa molto uso di elementi visivi per sintetizzare e, appunto, snellire i processi (anche mentali). Il Business Model Canvas racchiude in una sola pagina tutti i core elements da tenere sott’occhio, la sua compilazione è un esercizio tanto impegnativo quanto illuminante.

Il metodo Lean ha subito diverse modifiche negli anni e ha ricevuto tanti contributi illustri rimanendo ad oggi l’approccio migliore che qualsiasi startupper o aspirante tale deve seguire. La sua applicazione va, in ogni caso, considerata in maniera critica e applicata correttamente da chi ne padroneggia i passaggi e gli strumenti.

Ciò che è certo e che saltare questo passaggio significa non validare la propria idea di business, esponendosi ad una serie di errori che nella migliore della ipotesi costeranno tempo e denaro e nella peggiore porteranno al fallimento della startup.

Related Stories

4 Maggio 2020

Come non cresce una società: il problema del gender gap

Le polemiche dell’ultima settimana che hanno riguardato la giornalista Rai Giovanna Botteri, hanno riaperto un acceso dibattito su un argomento tanto ostico quanto complesso: il gender gap. Il raggiungimento della parità di genere rappresenta un problema globale, le retribuzioni sono mediamente più basse di quelle dei colleghi uomini, minori possibilità di fare carriera, ruoli all’interno di organigrammi aziendali assolutamente sbilanciati.

29 Giugno 2020

Startup innovative, qual è la situazione in Italia ?

Il Primo aprile 2020 è stato elaborato il rapporto congiunto da parte di UnionCamere, Ministero dello Sviluppo Economico e InfoCamere sulle Startup Innovative, relativo al 1° trimestre del 2020. Al termine di questo periodo il numero delle startup iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese è pari a 11206, in aumento del 3% rispetto al trimestre precedente.

1 Giugno 2020

In fuga dalla Silicon Valley

Nel 2018 i colossi tecnologici made in USA hanno avviato una serie di azioni indicative del livello di sovraccarico della Valle. Apple, ad esempio, annunciò la creazione di un campus in Texas, così come Amazon che optò per New York come casa di un secondo quartier generale, stessa cosa per Google, che dopo un aumento della sua presenza nella Grande Mela scelse di investire a Pittsburgh (Pennsylvania).

Arrow-up